Trova le risposte!
Un viaggio esclusivo all'interno dell'energia, concepito e realizzato attraverso nuovi strumenti e linguaggi dove si stimola l'interesse e la creatività dei visitatori.
Ti trovi in: Museo Energia > Pubblicazioni
"La rinascita del carbone" - Eugenio Occorsio

Il saggio che presentiamo si intitola “La rinascita del Carbone” ed è stato scritto da Eugenio Occorsio, giornalista di Repubblica.

Il volume ha come obiettivo quello di far conoscere il valore del carbone come fonte di energia e il suo sviluppo nel corso dei secoli fino ai giorni d’oggi, dove gioca tuttora un ruolo primario nella generazione di energia elettrica.

Nel libro che vi presentiamo, verranno ripercorse le tappe più significative dell’evoluzione di questa risorsa, dall’origine della sua formazione nelle ere geologiche fino al suo utilizzo durante la rivoluzione industriale, con la realizzazione delle prime locomotive e con l’invenzione delle navi e macchine a vapore.

L’era del carbone inizia verso la metà del 1600, in seguito all’esigenza di trovare una fonte di energia alternativa al legno. Il carbone fossile sembrò la scelta più valida: presente nel sottosuolo di molti Paesi dell’Europa centrale si prestava molto bene come fonte di energia.
In pochi decenni la richiesta di questo combustibile aumentò in maniera esponenziale per alimentare un’industria europea sempre più fiorente. In particolare l’Inghilterra, grazie ai suoi grandi giacimenti, si arricchì e consolidò la sua posizione di supremazia tecnologica e industriale cavalcando, a partire dal 1750, l’onda della Rivoluzione Industriale che successivamente si propagò anche negli altri Paesi europei, fino a raggiungere gli Stati Uniti d’America. L’entusiasmo per la risorsa “carbone” portò a uno sfruttamento sempre più intensivo dei giacimenti soprattutto in Inghilterra, Russia, Germania e Francia. In questo periodo, infatti, la produzione mondiale passò da poco più di 10 milioni di tonnellate nel 1700, a circa 70 milioni di tonnellate nel 1850, per arrivare a 800 milioni nel 1900.

Ovunque, c’è stato il carbone: per far funzionare le centrali elettriche, per far muovere i treni e i trasporti navali, per alimentare le grandi industrie pesanti, da quelle siderurgiche a quelle della produzione del vetro.

Nel saggio che leggerete inoltre, ampio spazio sarà dato allo studio delle diverse tipologie di carbone e alle tecnologie attuali per un trattamento eco-compatibile di questo prezioso minerale che ne fanno un combustibile altamente utilizzato per accrescere i fabbisogni energetici in un contesto di sostenibilità ambientale.

Infine, un quadro panoramico del contesto italiano e un’analisi dettagliata delle centrali a carbone presenti sul territorio nazionale, a testimonianza di come tutti gli operatori italiani del settore abbiano dimostrato in questi anni una eccezionale capacità di focalizzazione sull’innovazione e sugli investimenti in tecnologie al fine di consentire un utilizzo ambientalmente sostenibile del carbone. L’efficienza media delle centrali italiane, molte delle quali hanno ottenuto la stringente certificazione ambientale europea EMAS, si aggira intorno al 39% con punte del 46% nel caso di Torrevaldaliga Nord.

Il carbone può e deve essere una fonte del futuro.

Buona lettura.

Andrea Clavarino
Presidente Assocarboni

PER SCARICA IL LIBRO     Clicca qui

Per visualizzare il CV di Andrea Clavarino   Clicca qui

Per visualizzare il CV di Eugenio Occorsio    Clicca qui

18/06/2014

Altre Pubblicazioni

1-20 |21-28 |