Trova le risposte!
Petrolio, carbone, gas naturale. Tutte queste fonti hanno lunghi periodi di rigenerazione molto superiori ai tassi di consumo che ne condizioneranno l’uso attuale e futuro.

Altri articoli della stanza Energie Convenzionali

Creato da Giuseppe Mureddu « clicca sul nome per leggere il curriculum dell'autore

IHSOPC (International Convention Relating to Intervention on the High Seas in Cases of Oil Pollution Casualties) - 1969 - Giuseppe Mureddu -

Un'altra convenzione internazionale in qualche modo connessa alle azioni rivolte a ridurre l'impatto ambientale degli oil spills, è quella - preesistente alla OPRC - riguardante l'intervento in alto mare in caso di INQUINAMENTO da petrolio provocato da incidenti navali (IHSOPC, nota anche come Intervention Convention).

Alla convenzione, adottata nel 1969, hanno aderito finora 77 paesi, che rappresentano poco più del 70% della flotta mondiale.

Questa convenzione non riguarda l'organizzazione di risposte all'INQUINAMENTO marino da petrolio, né tenta di regolarne il coordinamento internazionale, ma piuttosto si limita ad affrontare la questione delicata del possibile conflitto tra esigenze operative degli interventi in situazioni di grave emergenza e alcuni aspetti del principio di sovranità nazionale: viene in pratica affermato il diritto di uno stato di intervenire in mare anche contro gli interessi di armatori stranieri o di altri stati, per fronteggiare un oil spill provocato da incidente navale che minacci le proprie coste; in secondo luogo, vengono definiti limiti, condizioni e eccezioni (ad es. navi da guerra) dall'esercizio di questo diritto, oltre che le modalità di ricomposizione giudiziale nel caso di controversie sorte dall'applicazione della Convenzione.

Tratto dal Libro: "Traffico Petrolifero e Sostenibilità Ambientale".
Co-Autore Prof. Ugo Bilardo