Trova le risposte!
Le centrali nucleari. L'energia che scaturisce dal bombardamento dell'uranio con neutroni. Il processo di 'fissione/fusione nucleare'. Il problema della radioattivitą e delle scorie.

Altri articoli della stanza Energia Nucleare

Creato da Marino Mazzini « clicca sul nome per leggere il curriculum dell'autore

La quantitą delle scorie nucleari - Mazzini Marino -

Oltre il 99% dei circa 26.000 m3 che sono attualmente distribuiti in depositi temporanei in varie regioni italiane sono a medio-bassa radioattività, prodotti in oltre 50 anni, in conseguenza di:

 

  • attività connesse con il ciclo dell’energia nucleare (fabbricazione degli elementi di combustibile nucleare, riprocessamento – a scopo sperimentale - di elementi di combustibile esauriti, produzione di energia elettrica, ecc.);
  • materiali derivanti dallo smantellamento di impianti nucleari;
  • esercizio di apparecchiature e reattori sperimentali per attività di ricerca;
  • uso di radioisotopi, acceleratori di particelle e sorgenti radioattive in medicina, nell’industria, nella ricerca scientifica e tecnologica, ecc..

A questi rifiuti sono da aggiungere quelli che deriveranno dallo smantellamento delle centrali nucleari dimesse e ciò porterà il totale a circa 100.000 m3, per fare cifra tonda.

Analisi recenti circa i rifiuti radioattivi dovuti alle attività umane distinguono innanzitutto tra materiali:

  • a bassa attività, che occupano il 90% del volume e contengono l’1% della radioattività,
  • ad attività intermedia, il 7% in volume ed il 4% per radioattività,
  • ad alta attività, il 3% in volume ed il 95% per radioattività.

I rifiuti a bassa radioattività, condizionati come indicato all’inizio di questo articolo, possono essere smaltiti in tutta sicurezza in discariche superficiali o a poca profondità adeguatamente progettate e gestite, come dimostrano le esperienze spagnola, svedese, ecc. (Figura sottostante lo Schema del deposito di rifiuti radioattivi a media e bassa radioattività realizzato in Svezia, nel granito, alla profondità di 50 m sotto la superficie del suolo.).

 

Dopo qualche secolo saranno completamente decaduti e pertanto non più “rifiuti radioattivi”.

 

 

Solo i rifiuti ad alta attività richiedono un trattamento molto accurato, ma si tratta di quantità modeste, che per essere smaltite in sicurezza non pongono problemi insormontabili.

 

Infatti, una centrale da 1000 MW elettrici, che produce in un anno 7-8 miliardi di kWh di energia elettrica, dà luogo ad un quantitativo di scorie ad alta attività che può essere inglobato in circa 6 tonnellate di matrice vetrosa, racchiuse in recipienti di rame o di acciaio inossidabile del volume totale di pochi metri cubi. Nel considerare queste cifre si deve tenere conto che esse possono variare in ragione dei processi e del combustibile adottati, ma il loro ordine di grandezza non cambia.