Trova le risposte!
Usi e soluzioni atti a ridurre i consumi d'energia necessaria allo svolgimento delle varie attivitą, come la cogenerazione o la trigenerazione energetica, residenziale e non.

Altri articoli della stanza Risparmio e Usi Finali

Creato da Alessandra Mariani « clicca sul nome per leggere il curriculum dell'autore

Cosa Fare per Risparmiare?

Nella società moderna si consumano enormi quantità di energia, e significativi sono anche gli sprechi che se ne fanno irresponsabilmente.
Se consideriamo che l’energia  deriva soprattutto da fonti fossili non RINNOVABILI, non possiamo non riflettere sul fatto che il loro impiego massiccio oltre a mettere a rischio le scorte provoca danni all’ambiente naturale spesso e purtroppo irreversibili. 

L’obiettivo principe di una mentalità che tende al RISPARMIO ENERGETICO deve essere la qualità della vita che presupponga uno SVILUPPO SOSTENIBILE.
Se è vero che si devono contenere sprechi e consumi nella fase di produzione dell’energia, è altrettanto vero che ciò va fatto anche nella fase di utilizzo da parte dell’UTENTE.
Siamo noi che dobbiamo essere educati ad un uso razionale ed intelligente dell’energia nella nostra vita quotidiana.

Che cosa si può dunque fare per risparmiare energia, senza dover rinunciare a tutti quei benefici a cui siamo ormai abituati?

C’è tutta una serie di accorgimenti che ci consentono di attuare un effettivo ed efficace RISPARMIO ENERGETICO già a partire dalle mura domestiche.
Vediamo insieme quali sono.

RISCALDAMENTO
• Non coprire i caloriferi con tende o rivestimento

• Riducendo di 1°C la temperatura nelle stanze si risparmia circa il 6% di energia

• Ventilare i locali più volte al giorno creando correnti d’aria

• Provvedere regolarmente alla pulizia e alla manutenzione della caldaia

• Sfiatare i caloriferi all’inizio della stagione fredda.

ACQUA
• Quando ci si lavano i denti, le mani o si fa la doccia, aprire il rubinetto solo per il tempo necessario a bagnarsi e a sciacquarsi

• Fare la doccia anziché il bagno

• Applicare regolatori di flusso sui rubinetti

• Lo scaldabagno elettrico è il più inefficiente: è assurdo bruciare gas o petrolio per scaldare acqua per produrre elettricità che poi usiamo per scaldare altra acqua; due terzi dell’energia si perdono lungo la strada.
  Quindi installare scaldabagni a gas

• Installare uno sciacquone con due vasche, una piccola e una più grande, da usare a seconda delle necessità.
Così il consumo di acqua si riduce da 15-19 litri a 9 o 6 litri.

FRIGORIFERO, CONGELATORE E LAVATRICE
• Scegliere il frigo e il congelatore di dimensioni adeguate all’effettivo fabbisogno familiare

• Inserire nel frigo e nel congelatore i cibi già freddi

• Asciugare il bucato preferibilmente all’aria, evitando l’impiego dell’asciugatrice

• Utilizzare lavatrice, asciugatrice e lavastoviglie solo a pieno carico

• Utilizzare il prelavaggio solo per la biancheria molto sporca

• Non lavare le stoviglie sotto l’acqua corrente.

CUCINA
• Durante la cottura dei cibi coprire  pentole e padelle con il coperchio

• In caso di lunghi tempi di cottura, usare la pentola a pressione

• Spegnere la piastra elettrica e il forno un po’ prima della fine cottura, allo scopo di sfruttare il calore residuo.

ENERGIA ELETTRICA
• Utilizzare lampadine a basso consumo

• Quando si abbandona una stanza, spegnere sempre la luce

• Se non utilizzati per ore, spegnere gli apparecchi elettrici (televisore, computer ecc.) con l’interruttore principale, evitando la funzione stand-by

• Sostituire le lampadine a incandescenza con lampade compatte a fluorescenza significa ottenere la stessa ILLUMINAZIONE spendendo un quinto in energia.
  In 10 mila ore una lampadina a fluorescenza da 15 W (pari a una a incandescenza da 75 W) fa risparmiare 600 Kilowattora evitando l’emissione di 320 kg di ANIDRIDE CARBONICA.
  I Led, consumano ancora meno e durano 10 volte più delle lampade a fluorescenza. Quanto all’ILLUMINAZIONE pubblica, in Italia, solo mettendo il cappuccio ai lampioni risparmieremmo 200 milioni di euro all’anno e riscopriremmo l’esistenza delle stelle!

AUTOMOBILE
Si può risparmiare il 6 per cento del carburante semplicemente controllando la pressione dei pneumatici: le gomme sgonfie fanno più attrito e quindi aumentano il consumo di carburante, e si logorano prima (occorrono 50 litri di petrolio per fare un pneumatico nuovo).
Viaggiare in autostrada a 120 km/h anziché a 130 riduce il consumo di carburante di un litro ogni 100 km, con 7 euro di risparmio ogni 500 chilometri.
Inoltre è bene usare l’auto solo se non ci si sposta soli: non ha senso muovere un’auto che pesa una tonnellata per spostare 70 chilogrammi.
In questo caso convengono il tram, l’autobus, il treno.

RIFIUTI
Lasciati a sé stessi, i rifiuti sono causa di INQUINAMENTO e di costi di smaltimento ormai insostenibili; differenziati e gestiti con intelligenza diventano una risorsa vitale, o almeno non vanno a contaminare l’ambiente.

Un chilogrammo di rifiuti organici fornisce 300 grammi di composto utile come concime.

Riciclando la carta ognuno di noi può salvare un albero all’anno.

Alluminio, vetro, plastica, batterie non devono finire nell’ambiente: basti pensare che il mercurio contenuto in una batteria a pastiglia è sufficiente ad inquinare 400 litri di acqua e un metro cubo di terra per mezzo secolo.

I computer contengono oro, rame e altri metalli preziosi; per questo raggiunta l’obsolescenza operativa i loro componenti devono essere separati in fase di smontaggio ed opportunamente stoccati.