Trova le risposte!
Forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano in tempi brevi come il sole, il vento, l’acqua, le biomasse, la geotermia e tutte le fonti assimilabili.

Altre stanze in Acqua

Altri articoli della stanza Acqua

Creato da Giorgio Nebbia « clicca sul nome per leggere il curriculum dell'autore

Il ciclo dell'acqua - Giorgio Nebbia -

L'acqua ha un ruolo fondamentale per la vita dei vegetali e degli animali e per la regolazione del clima.
Attualmente l'acqua che si trova negli oceani, sui continenti e nell'atmosfera ammonta a circa 1.400.000 x 1018 g ed e' cosi' distribuita:
 
oceani (acqua contenente circa 35 g/L di sali)
1.350.000
ghiacciai permanenti
30.000
acque dolci continentali e suolo
20.000
atmosfera
13

L'acqua e' in continuo movimento; l'energia solare fa evaporare dalla superficie dei continenti e degli oceani e dal corpo degli organismi viventi (evapotraspirazione), una parte dell'acqua che si miscela con i gas dell'atmosfera; quando l'aria più ricca di acqua incontra delle zone fredde, il VAPORE ACQUEO condensa e ricade sotto forma di acqua liquida (pioggia) o solida (neve o grandine) sui continenti o sugli oceani. Nel condensare l'acqua restituisce all'ambiente circostante il calore assorbito durante l'evaporazione (calore latente di evaporazione (circa 2,4 x 103 J/g).
L'acqua coinvolta in questa continua circolazione - detta "ciclo dell'acqua" - ammonta a circa 500 x 1018 g/anno (500.000 miliardi di t/anno), così distribuita (approssimativamente):
 
Evaporazione Condensazione
 
1018 g/anno
Oceani e mari
440
400
Continenti
60
100
La differenza fra le precipitazioni e l'evaporazione sulle terre emerse - circa 40 x 1018 g/anno (40.000 miliardi di t/anno) --- è costituita dall'acqua che scorre sulla superficie dei continenti ed alimenta i fiumi tornando ogni anno al mare.
Nel suo moto sulla superficie delle terre emerse l'acqua esercita una azione di erosione e di asportazione delle sostanze disciolte nel terreno, con conseguenze positive e negative. Il moto delle acque superficiali contribuisce a creare le fertili pianure alluvionali; nello stesso tempo l'erosione del suolo impoverisce la fertilita' dei terreni ed e' causa di frane e alluvioni.
Poiche' i danni dovuti all'erosione del suolo sono piu' gravi se la terra e' priva di vegetazione o intensamente coltivata, l'erosione del suolo puo' essere rallentata con opere di rimboschimento, specialmente sul fianco delle valli, di regolazione del corso dei fiumi, con pratiche agricole appropriate.